Il multifotografo... - Rosario Micciulla

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il multifotografo...

pagine varie > la rubrica della sposa > storie
Salve a tutti, avendo saputo di questa rubrica, io e mio marito vorremo dare una nostra impressione di quello che abbiamo vissuto per il nostro matrimonio. Premetto che quando ci siamo sposati, allora non conoscevamo Rosario, ma solo dopo, un'amica ce l'ha presentato.

Quando avevamo bloccato la data delle nozze, ci siamo recati da un fotografo, che ci avevano detto che era abbastanza creativo. 
Una volta nel suo studio, ci fece vedere i suoi lavori e devo dire che erano davvero belli. Appena giunto il momento di dire il prezzo, lui ci disse prima che amava la particolarità e per questo, sarebbero venuti quel giorno 2 fotografi e 2 cameraman. Noi siamo rimasti un po stupiti, come per dire..." Ma.. è necessario?". Anche perchè sia a me che amio marito da sempre amavamo lo stile tradizionale. Comunque lui continuò nel suo discordo e dopo un pò disse la cifra (che sinceramente c'è sembrata un pò altina) ma poi la giustificò: "giusta" perchè ribadì che erano in quattro e ci disse che ne sarebbe valsa la pena, perchè questo stava andando di moda, che alla gente piace, che avrebbe catturato più particolari, e continuò: "non ve ne pentirete...".

Io e il mio fidanzato eravamo già in ritardo per le altre cose, dovevamo andare fuori paese per cercare la cucina ed il salotto, confermare le bomboniere e confermare il menu per il ristorante, per cui ci siamo guardati negli occhi e abbiamo pensato: "Vabbè, scegliamo lui".
Non l'avessimo mai fatto...

Arriva il giorno delle nozze e arrivano tutti e quattro: i due fotografi e i due cameraman. Premetto che la camera da letto dove mi stavo truccando non era tanto grande. Prima entra lui, il fotografo ufficiale e dappresso i due cameraman e l'altro fotografo, che appena entra non saluta neanche.

Si è creata subito confusione nella mia stanza: io mi sentivo chiamare sia alla mia destra che alla mia sinistra. Erano i due cameraman che mi riprendevano in contemporanea e mi chiamavano in continuazione. Poi mi chiamava il fotografo ufficiale e dovevo posare per lui. Poi mi richiamavano i cameraman che si erano spostati lateralmente e dato lo spazio piccolo, li vedevo con la coda dell'occhio che si ammassavano l'uno sull'altro.

Ad un certo punto sento un rumore dietro le mie spalle come il rompersi di un qualcosa di vetro: era stato un cameraman che aveva urtato sul comò e fatto cadere il posacenere in cristallo di boemia di mia mamma (che ci teneva tanto). Mia mamma corre dalla cucina e si arrabbia tanto con il cameraman, che tra l'altro non era stato neanche gentile a chiedere scusa. Arriva mio fratello con la scopa e comincia a raccogliere i cocci...

Lì penso tra mè: ma se era un solo fotografo ed un cameraman non era meglio? Mha! Andiamo avanti.

Nel frattempo cominciano ad arrivare a casa mia gli invitati ed in quanto nella mia stanza c'erano i quattro operatori, non c'era abbastanza spazio perchè i miei amici mi vedessero. Lì, sento il fotografo ufficiale che quasi "rimprovera" mia cugina, che si era solo affacciata nella stanza, per farmi la foto con il suo telefonino, perchè lui aveva bisogno di spazio... Anche lì, mi sto zitta.

La stessa confusione l'hanno fatta a casa di mio marito. Il fotografo in eccesso e l'altro cameraman, gli hanno fatto girare la testa o spesse volte lo rimproveravano se lui si girava dall'altra parte. Anche a lui la cosa non gli è piaciuta.

Io amo la tranquillità e la discrezione. Quando siamo arrivati in chiesa, vedevo i due cameraman che giravano tutt'intorno, ed uno è finito addosso a mia zia, perchè intento a riprendere, si infilava con presunzione tra le persone.
Quello che è stato brutto è stato quando il sacerdote, all'altare, ha rimproverato il secondo cameraman che gli girava da dietro... Pazienza, ormai era andata!

Io e mio marito abbiamo deciso di non farci caso, e abbiamo ignorato "di forza" quello che ci dicevano i fotografi. Volevamo goderci in santa pace la nostra cerimonia.

Finalmente usciti dalla chiesa, siamo andati in giro a fare foto e i fotografi hanno continuato a farci impazzire perchè sbucavano da tutti i lati e mi sentivo chiamare un pò di qua, un pò di là... Abbiamo sopportato tutto questo (contro voglia) e per giunta, abbiamo portato ritardo al ristorante, perchè dovevamo dare testa e quattro persone e non a due.

Mio marito mi diceva sottovoce: "Ma chi ce l'ha fatto fare?" - Ed io gli davo dei bacini sulla bocca per sdrammatizzare.
Arriviamo in sala, tutti che ci aspettavano per il tremendo ritardo, appena seduti pensavamo con mio marito di riposarci un pò.. Invece, giungono subito i due fotografi e i due cameraman che ci fanno alzare, perchè volevano riprendere da più angolazioni noi che camminavamo tra i tavoli, e ci hanno rifatto fare l'entrata...

Appena seduti, mio marito ha chiamato il fotografo ufficiale, e con tono più severo, gli ha detto che da allora non dovevano più darci fastidio, che se volevano, riprendevano senza chiamarci. Lui, ha pure guardato strano. E finalmente ci siamo goduti la serata fino al taglio della torta.
Concludo dicendo, sì le foto poi ce le ha fatte belle, ma quel giorno è stato stressante per noi. Se sapevamo avremmo scelto ul fotografo tradizionalista (lui ed il cameraman). Certamente parlo per me, che piace la discrezione e la compostezza, e mi sono trovata male per questo. Posso dare un mio consiglio ai futuri sposi: Valutate bene prima, se vi fanno una proposta del genere, perchè se non vi piace la confusione, potreste vivere quello che abbiamo vissuto noi. A mio parere, il tradizionale, è sempre più moderato e si gusta di più. 
Auguri per i vostri preparativi.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu